| Il Tridente Saggi |

pagine : 200
dimensioni : 14,5x21
prezzo : € 17,00
ISBN : 9788871865096
Anno di pubblicazione : 2012



acquista su amazon _____________
Andreella Fabrizio
Corpo Sospeso
 
 



Cosa si nasconde dietro la marginalità della danza in un Occidente che sembra decantare incessantemente i piaceri del corpo? Dove è iniziato il viaggio, intrapreso dall’idea di corpo, che ha portato alla reclusione della danza negli ambiti di un’arte comprimaria e dell’intrattenimento notturno?

Sono questi gli interrogativi da cui parte Il corpo sospeso, un’indagine che coglie l’essenza dell’esperienza coreutica esaminandone gli elementi costitutivi: l’anima e il rito, il corpo e il gesto, il linguaggio e il sacro.

Il processo di codificazione del corpo, che si inaugura con la nascita e la definizione della modernità, viene individuato come lo snodo decisivo per la storia, le pratiche e le rappresentazioni della danza in Occidente.

Almeno da allora, la nostra cultura sembra aver occultato e dimenticato l’insegnamento finale di Gesù che, secondo gli Atti di Giovanni, al termine dell’ultima cena disse enigmaticamente: «Chi non danza non sa cosa succede».

Prima paganizzata, poi demonizzata e infine secolarizzata, la danza oggi non fa più parte di quel corredo di strumenti rituali che, nel corso della storia, hanno sempre cercato di unire simbolicamente corpi e anime, uomini e donne, esseri divini e vicende umane.

E così, il corpo che essa abita non è più soggetto di un rito ma oggetto di un codice. Un corpo chiuso nelle regole che, dal Rinascimento, ancora oggi lo irreggimentano.