| Il Tridente Saggi |

pagine : 342
dimensioni : 14,5x21
prezzo : € 25,82
ISBN : 9788871861784
Anno di pubblicazione : 2001



acquista su amazon _____________
Donald Kalsched
Il mondo interiore del trauma
 
Traduzione e cura di Milka Ventura. Prefazione di Francesco Montecchi. 



Il mondo interiore del trauma è un libro in cui Donald Kalsched esplora il mondo di immagini oniriche e di fantasia incontrate lavorando con pazienti che aveva­no subito nella loro vita esperienze intollerabili. Il suo lavoro illustra in che modo, con un’ironica tor­sione della vita psichica, proprio quelle stesse imma­gini difensive deputate a proteggere il Sé da ulteriori offese possono diventare malevoli e distruttive, dando origine a un ulteriore trauma per l’individuo.

Il perché e il come questo accada sono fra le doman­de a cui il libro si propone di rispondere. Attingendo a un ampio e dettagliato materiale clinico, l’autore dedica una speciale attenzione ai proble­mi della dipendenza e ai disturbi psicosomatici, e insieme affronta il tema più generale della dissocia­zione e della sua cura.

Donald Kalsched raccoglie in questo libro le idee di Jung sul trauma e rivisita le molte interpretazioni classiche della teoria junghiana. Focalizzando l’atten­zione sulle difese arcaiche e primitive che stanno al centro del Sé e del linguaggio mitopoetico del sogno e delle fiabe, Kalsched mette in relazione la teoria e la pratica junghiana con le più recenti teorie delle rela­zioni oggettuali e della dissociazione. Al tempo stes­so, dimostra come una lettura e un’intelligenza jun­ghiana delle immagini universali del mito e del fol­klore possano illuminare la terapia del paziente trau­matizzato.

Il trauma riguarda la rottura di quei processi transizionali della relazione umana che rendono la vita degna di essere vissuta. Donald Kalsched lo vede come un problema che è sia spirituale sia psicologico e, in II mondo interiore del trauma, ci offre una con­vincente intuizione sulla modalità con cui il sistema di autocura cerca di salvare lo spirito personale dal­l’annientamento.