| Prossimamente |

pagine : 185
dimensioni : 14,5x21
prezzo : € 16,00
ISBN : 9788871867403
Anno di pubblicazione : 2018



acquista su amazon _____________
Giampaolo Nuvolati
Interstizi delle città
Rifugi del vivere quotidiano
 
 



L’interstizio ha una caratteristica precisa: tiene insieme la realtà, il ricordo e la fantasia, intreccia gli aspetti micro e macro della storia umana. Questo volume si occupa dei piccoli anfratti urbani raccontandoli attraverso una operazione di scavo in profondità, oltre la patina dell’ovvietà. Interstizi sono i cortiletti che si celano dietro ai portoni socchiusi, sono i brevi tratti di un antico portico che ci riporta alla mente un episodio cruciale della nostra vita, sono gli arredi urbani dimenticati: le ringhiere traballanti di una scalinata, una vecchia insegna di un negozio che non c’è più; sono le minuscole tracce cittadine di arte religiosa e di devozione verso i defunti – una madonna con bambino Gesù che troviamo in un altarino incassato nel muro di un palazzo del centro dinnanzi al quale amiamo sostare per un rapida preghiera –. Situazioni che non sempre saltano immediatamente agli occhi ma vanno ricercate e forse solo se vissute in prima persona possono diventare rilevanti. Quando si parla di interstizi è naturale riferirsi ad una figura come il flâneur – e ovviamente anche alla versione femminile: la flâneuse – perché questo personaggio, nato a metà ottocento, rielaborato nella prima parte del ‘900 e oggi tornato prepotentemente al centro della riflessione in vari ambiti disciplinari, rappresenta l’arte del perdersi nella città e dunque di entrare in rapporto con gli angoli più reconditi e le fenditure a prima vista più insignificanti e banali del contesto urbano. Egli è l’emblema di un riscatto, delle piccole cose che si fanno grandi in quanto nascondono in se stesse un valore inestimabile. Gli intersitizi, infine, presentano anche un tratto sociale e politico laddove sono occasione di controllo da parte delle istituzioni ma anche di emancipazione e libera espressione per vari segmenti della popolazione, compresi quelli più deboli.